WhiteAlbum e lo smartphone diventa una fotocamera del secolo scorso

WhiteAlbum e lo smartphone diventa una fotocamera del secolo scorso

0 634

Ah, la fotografia analogica… Per alcuni è roba da veri appassionati, per altri sinonimo di filtri vintage su Instagram. Se fai parte della seconda categoria e hai sotto mano un iPhone, da oggi puoi finalmente rivivere l’ebbrezza della tecnologia del ventesimo secolo in tutto il suo splendore. Occhi chiusi nelle foto di gruppo, selfie (anzi, autoscatti) fuori inquadratura, panorami bruciacchiati dalla sovraesposizione.

Insomma: disastri di ogni tipo, impossibili da visualizzare se non dopo aver fatto sviluppare il rullino in laboratorio. WhiteAlbum è un’app per nostalgici e hipster, un paradosso software che azzera l’orologio dell’evoluzione digitale simulando su un telefono il comportamento di una fotocamera usa e getta. Come?

L’applicazione ti mette a disposizione un rullino virtuale da 24 foto. Dopo ciascuno scatto, il risultato finisce in memoria senza darti modo di vederne l’anteprima e quindi di ripetere eventualmente l’inquadratura: se hai la sensazione che qualcosa sia andato storto, ti tocca consumare un altro scatto per rimediare all’errore. Altrimenti incroci le dita e vai oltre.

Terminato il rullino, le tue opere d’arte ti vengono inviate a casa, stampate su carta fotografica al prezzo di 20 dollari (spese di spedizione incluse).