Scienza

0 525

Giorno importante per i cieli: l’asteroide 2004 BL86, dal diametro record di mezzo chilometro, sta per sfiorare la Terra oggi 26 gennaio alle 17,49 ora italiana.  Al momento del massimo avvicinamento, l’asteroide sarà a 1,2 milioni di chilometri dalla Terra, tre volte la distanza della Luna. Nessun pericolo di contatto, quindi, ma spettacolo assicurato.

Dall’Italia l’asteroide sarà visibile anche con binocoli e piccoli telescopi, oppure potete ammirare il sasso splendere nei cieli attraverso il Virtual Telescope, a partire dalle 20,30 di lunedì 26 gennaio. ‘Nonostante 2004 BL86 non sia minaccioso, l’asteroide fa parte degli oggetti vicini alla Terra (Near Earth Objects o Neo) potenzialmente pericolosi, perchè raggiungerà una distanza minima dal pianeta inferiore a 7,4 milioni di chilometri e ha dimensioni superiori ai 150 metri di diametro’, rileva l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope e curatore scientifico del Planetario di Roma.

Il prossimo asteroide così grande transiterà vicino alla Terra nel 2027.

20150125_88962_mappa1

0 558
Ci ha fatto giocare a Resident Evil, Metal Gear Solid, Crash Bandicoot, Spyro e Final Fantasy VII.
Adesso l’R3000, la CPU della PlayStation 1, ci sta portando su Plutone.
Arriverà infatti tra poche settimane la prima immagine ad alta risoluzione di Plutone, grazie a New Horizons, lanciata dalla NASA 9 anni fa e i cui propulsori, sensori e sistemi di trasmissione dati sono gestiti proprio dalla Central processing unit della PlayStation 1: un chip altamente affidabile e con un feedback notevole, che ha quindi risparmiato all’Agenzia statunitense la grana di dover perfezionare un nuovo sistema il cui collaudo avrebbe richiesto un notevole dispendio in termini tanto finanziari quanto di tempo.
Le uniche modifiche apportate al sistema hanno riguardato, ovviamente, la resistenza alle altissime radiazioni a cui è sottoposto. Per il resto, gli ingegneri NASA hanno puntato sull’affidabilità più che sulla potenza, e a quanto pare R3000 non ha tradito le aspettative.
Perchè New Horizons inizi la sua navigazione nell’orbita di Plutone dovremo aspettare il 14 Luglio, ma le prime foto del sistema formato dal pianeta nano e dai suoi satelliti arriveranno già in primavera.

0 771

Hyperloop, il treno ad altissima velocità che secondo i progetti di Elon Musk dovrebbe percorrere i 614 chilometri fra Los Angeles e San Francisco in 35 minuti alla velocità di 1.102 km/h, inizierà presto i test. La fonte è proprio l’imprenditore statunitense, che tramite Twitter ha comunicato l’intenzione di costruire, “probabilmente in Texas”, un circuito di prova della lunghezza di 8 chilometri.

Lo Stato non è certo, ma sembra papabile dato che proprio in Texas ci sono già siti di lancio di SpaceX e in passato Musk l’aveva già indicato come “candidato ideale” per ospitare il prototipo di Hyperloop.

Il circuito di test pressurizzato sarà aperto agli studenti, alle aziende a tutti coloro che vorranno mettere alla prova i propri progetti di capsule per il trasporto a levitazione magnetica che si potrebbero impiegare nella costruzione del treno. Non è da escludere nemmeno un concorso annuale per stimolare lo sviluppo e la competizione.

Al momento non ci sono altri dettagli, ma l’idea è interessante perché potrebbe migliorare il progetto iniziale che era stato presentato da Musk a luglio 2013 e che a distanza di poco tempo è stato contestato in alcuni dettagli che lo renderebbero irrealizzabile così com’è. In particolare era emerso che la forma delle capsule dovrebbe essere riprogettata per assomigliare di più a quella di un razzo.

Forse è proprio da queste analisi che partiranno studenti e aziende intenzionati a concretizzare l’ennesimo progetto avveniristico di Musk.

0 501

Ti resettano il ciclo del sonno segnalando al tuo corpo quando è ora di dormire e quando di star sveglio. Si chiamano Re-Timer, un paio di occhiali speciali che, attraverso un uso programmato della luce, possono ripristinare il ritmo circadiano in chi è spesso in viaggio, sballato dal jet lag, chi lavora a turni o anche semplicemente in chi la sera ritarda sempre l’ora di andare a letto e poi si ritrova a dormire troppo poco.

È sufficiente indossarli per qualche ora al giorno perché essi, attraverso un’illuminazione che mima quella del Sole (ma al riparo da raggi Uv) rimettano in sesto gli “orologi” dell’organismo, e con essi i ritmi sonno-veglia. Ecco nel video come funzionano e anche la testimonianza di chi li ha provati.

0 787

La Teoria del Tutto, il film biografico su Steven Hawking, sta per arrivare finalmente anche nelle sale italiane. Le recensioni d’oltreoceano sono super positive sulla pellicola che racconterà non solo la vita scientifica di uno degli uomini più importanti della storia della scienza, ma anche il lato umano, la sua storia prima della malattia, prima di tutto quello che sappiamo su Steven da scienziato.

In alto trovate l’emozionantissimo trailer in italiano e sotto ecco la trama del film.

La teoria del tutto è la storia straordinaria ed edificante di una delle più eccelse menti viventi del mondo, il famoso astrofisico Stephen Hawking, e di due persone che resistono alle più grandi difficoltà attraverso l’amore. Nel 1963, da studente di cosmologia della leggendaria università inglese Cambridge, Stephen (interpretato da Eddie Redmayne di Les Misérables) sta facendo grandi passi ed è determinato a trovare una “spiegazione semplice ed eloquente” per l’universo. Anche il suo mondo privato si schiude quando si innamora perdutamente di una studentessa di lettere della stessa Cambridge, Jane Wilde (Felicity Jones di The Invisible Woman). Ma, all’età di 21 anni, questo giovane uomo sano e dinamico riceve una diagnosi che gli cambia la vita: la malattia del motoneurone attaccherà i suoi arti e le sue capacità, lasciandolo con una limitata capacità di linguaggio e di movimento e con circa due anni di vita da vivere. L’amore di Jane, il suo combattivo supporto e la sua determinazione sono incrollabili – e i due si sposano. Con la sua nuova moglie che lotta instancabilmente al suo fianco, Stephen si rifiuta di accettare la sua diagnosi. Jane lo incoraggia a finire il suo dottorato, che include la sua teoria iniziale sulla creazione dell’universo. La coppia mette su famiglia e con il suo dottorato da poco guadagnato e accolto con grande gioia, Stephen si imbarca nel suo lavoro scientifico più ambizioso, lo studio della cosa di cui possiede meno: il tempo. Mentre il suo corpo affronta limitazioni sempre più grandi, la sua mente continua a esplorare i limiti estremi della fisica teorica. Insieme, lui e Jane sfidano l’impossibile, aprendo nuovi territori nel campo della medicina e della scienza, e realizzando più di quello che avrebbero mai sognato di realizzare.

0 462

Ricaricare interamente l’iPhone in soli 10 minuti? Non si tratta di un sogno, in quanto presto tutto questo potrebbe essere realtà.

Al CES di Las Vegas, la Vorbeck ha presentato una batteria realizzata in grafene con integrata una tecnologia brevettata denominata Vor-x. Questi due elementi sono in grado di ricaricare uno smartphone come l’iPhone in soli 10 minuti, e garantiscono anche un’autonomia di utilizzo che può arrivare a 24 ore.

La tecnologia è già pronta per essere utilizzata, ora starà ad Apple capire se vale la pena investire per implementare questa soluzione sui propri dispositivi.

0 475

Sembra proprio che anche nel 2015 gli appassionati di astronomia troveranno pane per i loro denti, con tre comete, una superluna, sciami di stelle cadenti, un’eclissi solare e ben due di Luna.

Gennaio e febbraio
Ad aprire le danze sarà la cometa Lovejoy, visibile nei cieli italiani sin da Natale, che il 7 gennaio raggiungerà la distanza minima dalla Terra passando a soli 70 milioni di chilometri dal nostro Pianeta, per crescere poi in visibilità nelle settimane seguenti, fino a metà mese, quando sarà alta sull’orizzonte. Sempre a gennaio arriverà anche il primo sciame meteorico dell’anno, quello delle Quadrantidi, che sarà al suo picco intorno al 4 del mese.

L’ultimo evento di gennaio sarà quindi la tripla eclissi delle lune di Giove, Io, Callisto ed Europa, prevista per il 24, ma estremamente difficile da vedere dall’Italia se non con condizioni meteo ottimali ed un orizzonte completamente libero. Se non fosse possibile osservarla non c’è comunque da disperare, perché Giove si farà perdonare poche settimane dopo, presentandosi il 6 febbraio in opposizione al Sole, e quindi al massimo della sua visibilità.

Marzo e aprile
L’evento astronomico più atteso dell’anno è previsto invece per il20 marzo, quando sarà possibile assistere ad un eclissi di sole. L’eclissi sarà totale solamente se osservata dall’Artico, ma dall’Italia il Sole sarà comunque coperto al 60%.

Il 4 aprile sarà invece la Luna ad essere protagonista di un’eclissi totale, che purtroppo non sarà però visibile dall’Italia.

Maggio e giugno
Nel 2015 altri due pianeti si mostreranno quindi al massimo della loro visibilità: Saturno, che sarà in opposizione al Sole il 23 maggio, e Venere, che splenderà al massimo della sua luminosità il 5 giugno. Sempre a maggio potrebbe arrivare la seconda cometa dell’anno, C / 2014 PanStarrs Q1, probabilmente abbastanza luminosa da essere osservata al occhio nudo.

Luglio e agosto
Il primo luglio i due pianeti più luminosi del cielo, Venere e Giove, saranno in congiunzione, e brilleranno vicinissimi. Il 12 e 13 agosto sarà quindi la volta delle Perseidi, le “lacrime di San Lorenzo”, il cui picco di attività non dovrebbe essere disturbato dalla luce della Luna, e dovrebbe quindi risultare visibilissimo.

Settembre
La Luna tornerà quindi a nascondersi il 28 settembre, con un’eclissi totale che sarà questa volta perfettamente visibile anche dal nostro Paese, e coinciderà tra l’altro con la superluna.

Novembre e dicembre
Verso la fine di novembre arriverà quindi l’ultima cometa dell’anno, C/2013 US10 Catalina, che potrebbe diventare visibile anche ad occhio nudo e accompagnarci per tutto il periodo natalizio.

A chiudere in bellezza il 2015 ci penseranno infine due sciami meteorici: le Alfa Monocerotidi, che dovrebbero raggiungere il picco di visibilità a novembre, e le Gemidi, previste per il mese di dicembre.

fonte: Wired

SEGUICI SU

PIU' POPOLARI